Explicit / Idee

“V” – Verità

IL 83 30.08.2016

Rubrica Enciclopedica

La verità è inafferrabile come inafferrabile è il pensiero. La puoi sentire, ma è impossibile da arrestare. Chi crede di conoscere il vero, s’inganna. Tutto muta e le certezze, prive di mistero e visibili alla luce del sole, sono poche e fragili come la brina. Siamo sicuri dell’amore, anche se muta seguendo gli umori. Crediamo di conoscere i nostri desideri, invece anche quelli si ribellano dentro il tempo che passa. Giuriamo sulle nostre teste, rischiando ogni volta di morire decapitati. La verità si trasforma, si sposta come le rondini in primavera. La sincerità, sua sorella, così simile e lontana, gode dell’illusione. Io dico ciò che penso quindi sono sincera. Però non è detto che dica la verità. Perché pensare vuol dire andare altrove. Muovere i passi in cerca di nuove idee. L’immobilità è sinonimo di morte e finché siamo vivi, siamo costretti a navigare nel nostro mare. L’onestà è necessaria perché l’umanità possa godere del proprio talento empatico. Eppure la bugia, che salva vite da dolori inutili, da immagini incancellabili, è ugualmente essenziale. La verità vive nell’istante, dura l’attimo di un respiro. La relatività è il principio che più le si avvicina. Tutto può essere vero, come vero è il suo opposto. Flaiano diceva:

Una volta credevo che il contrario di una verità fosse l’errore e il contrario di un errore fosse la verità. Oggi una verità può avere per contrario un’altra verità altrettanto valida e l’errore un altro errore.

Chiudi