Si chiama “Larry Clark Project / Paris Session” il cortometraggio del regista di “Kids” dedicato alle scarpe street create da Kris Van Assche per Dior Homme

Si può dire che il progetto sia nato “in casa”, come conseguenza naturale della campagna autunno-inverno 2016 di Dior Homme. In quell’occasione, Larry Clark era uno dei soggetti immortalati dal fotografo Willy Vanderperre; ora, il regista del controverso Kids, film-scandalo del 1995, torna al suo abituale lavoro dietro la macchina da presa; e racconta, attraverso un cortometraggio, la nuova collezione di sneakers create da Kris Van Assche, direttore creativo di Dior Homme. Al centro di Larry Clark Project / Paris Session ci sono la città di Parigi e la comunità dei giovani appassionati di skatebord.

Filmando i ragazzi che si allenano intorno ai monumenti della capitale francese, Clark esalta la grandezza della città, creando un contrasto tra il tradizionalismo dei suoi simboli e il fermento degli skaters. Sullo sfondo, quel senso di abbandono giovanile e di ribellione al centro della poetica di Clark e del suo The Smell of Us (2014), ambientato proprio tra gli adolescenti parigini. Nelle sequenze, la collezione – divisa di ogni skater – prende vita e crea una coscienza collettiva che racchiude l’energia di una sfilata.

Conosciuto da molti per il controverso film “Kids”, del 1995, e per il libro fotografico “Tulsa”, pubblicato nel 1997, Larry Clark (nato nel 1943) è regista, fotografo, scrittore e produttore. Il libro è un diario-reportage che racconta, attraverso immagini in bianco e nero, la vita sbandata dei giovani tossicomani di Tulsa, in Oklahoma, sua città natale. Il suo ultimo film è “The Smell of Us”, del 2014, incentrato su un gruppo di adolescenti parigini dediti al sesso, alle droghe e alle evoluzioni sullo skateboard.
Chiudi