Fa l’obiettore di coscienza nell’ultimo film di Mel Gibson, “La battaglia di Hacksaw Ridge” e il missionario in “Silence” di Scorsese. La parentesi di Spider-Man è già archiviata

Alla fine calzare la tuta di Spider-Man gli ha un po’ spezzato il cuore. Perché ci credeva: era il suo supereroe preferito. Ma in una grande produzione «non sempre la storia e il personaggio sono in cima alle priorità», ha confessato di recente. Tanto, è acqua passata. Andrew Garfield è stato il ragno mascherato targato Sony per due film, The Amazing Spider-Man 1 e 2, senza realmente riuscire a scalfire l’originale del trio Tobey Maguire, Kirsten Dunst, James Franco. Aveva già firmato per il terzo, ma non se n’è fatto nulla: nel 2015 i diritti sono tornati alla casa madre Marvel, pronta a rilanciare il figliol prodigo con le ragnatele nel rutilante mondo degli Avengers.

Garfield ha tirato dritto per la sua strada. Lasciata anche Emma Stone, la Mary Jane rebooted, si è dato ad altri tipi di fede. A 33 anni, era inevitabile. O forse consigliato. Martin Scorsese lo ha scelto per impersonare Sebastião Rodrigues, padre gesuita in viaggio con il confratello Adam Driver nel Giappone delle persecuzioni ai cristiani del XVII secolo. Il film del maestro, Silence (uscito il Italia il 12 gennaio), è il primo dal 2002 (se escludiamo l’esperimento di Hugo Cabret) senza Leonardo diCaprio. Poi Mel Gibson gli ha affidato il medico avventista Desmond Doss in La battaglia di Hacksaw Ridge (in uscita il 9 febbraio). Obiettore di coscienza, per la sua fede si rifiuta di portare armi e salva 75 uomini a Okinawa. Il ragazzo che faceva il mimo in Parnassus (2009) di Terry Gilliam ed Eduardo Saverin in The Social Network di David Fincher (2010) è andato in guerra ed è tornato vincitore: e il vecchio Mel ha già distribuito urbi et orbi la sua battuta passepartout: «È stato un vero supereroe»
 

Come i supereroi cambiano la carriera degli attori

Spider-Man

filo

tobey-maguire-spiderman

Tobey Maguire → +

Già protagonista, ma di nicchia. Dopo Spider-Man di “Sam Raimi” arrivano i grandi nomi (da Soderbergh in poi)

the-amazing-spider-man-image-andrew-garfield

Andrew Garfield → =

Già in “Parnassus” di Terry Gilliam, archivia la parentesi da supereroe con i film di Scorsese e Gibson.

unmasked-tom-holland-spider-man-homecoming

Tom Holland → +

Classe 1996, gigioneggia con Robert Downney Jr/Ironman in “Spider-Man: Homecoming” che batte bandiera Marvel.

Batman

filo

brsnapshot20090103224927

Michael Keaton → +

Prima era un attore comico (scelto tra le proteste dei fan): essere il Batman di Tim Burton gli apre ogni porta.

large_120418-000329_to170412est_9172

Christian Bale → =

L’eroe mascherato della trilogia di Christopher Nolan glorifica una carriera già ben avviata (dall’“Impero del sole”).

which-villain-would-you-like-to-see-in-the-batman-650331

Ben Affleck → =

Famosissimo ben prima di “Batman v Superman”, dopo “Justice League” dirigerà il prossimo “The Batman”.

Superman

filo

csk_10275_0059

Christopher Reeve → +

In “Superman” (1978) è al suo primo ruolo importante. Saranno quattro i film della saga. In mezzo, poco altro.

2006_superman_returns_056

Brandon Routh → –

Pescato dalla tv da Bryan Singer per “Superman Returns”, vi rientra subito dopo (e dopo Dylan Dog).

ace16205fe9a91658607080ef13d6c56

Henry Cavill → +

Zack Snyder lo consacra volto del supereroe DC Comics, presente quest’anno anche in “Justice League”.
Chiudi