Yolo / Serie TV

Christina Ricci e le altre

di Sara Deganello
illustrazione di MANUEL BORTOLETTI
IL 88 16.01.2017

L’attrice è Zelda Fitzgerald in “Z: The Beginning of Everything”. Ma arrivano in tv anche Drew Barrymore, Reese Witherspoon, Nicole Kidman. I volti degli anni Novanta invadono le serie

Sarà un caso, vederle in onda quasi contemporaneamente in questo primo squarcio del 2017. Eppure eccole lì, Christina Ricci, Drew Barrymore, Reese Witherspoon, Nicole Kidman: a fare le protagoniste  di alcune delle più interessanti novità della mid-season del palinsesto televisivo. Eccole, le ragazze degli anni 90. Manca Meg Ryan, ma lì forse la chirurgia estetica ha messo un veto definitivo. In ogni caso, vien quasi da rendere grazie. Grazie Amazon, Netflix, Hbo, grazie perché ci avete mostrato che una maturità femminile soddisfacente e remunerativa non è appannaggio di poche sempreverdi, da Meryl Streep in su, ma una condizione alla portata di tutte. In realtà, l’apripista della rivalutazione televisiva di dive in crisi di mezza età è stata soprattutto Wynona Rider, data per dispersa e tornata in grandissimo stile, nelle otto puntante targate Netflix dell’instant classic dell’estate Stranger Things. Ora arrivano anche le altre.

La protagonista del Mistero di Sleepy Hollow (1999), Christina Ricci, è Zelda Fitzgerald, moglie dello scrittore Francis Scott nella serie Z: The Beginning of Everything (dal 27 gennaio su Amazon Prime Video). Christina ha già saggiato il fascino della serialità con la sottovalutata Pan Am e la dark The Lizzie Borden Chronicles; ora è alle prese con un personaggio interessante e complesso, anche se a rischio cliché: Zelda, una delle prime flapper della storia, nei ruggenti anni 20 del jazz raccontanti nel Grande Gatsby.

Drew Barrymore, la Mai stata baciata del 1999, fa la moglie e mamma frustrata di una figlia adolescente in Santa Clarita Diet (dal 3 febbraio su Netflix).

E Reese Witherspoon e Nicole Kidman? La prima ci ha regalato Cruel Intentions (1999) e La rivincita delle bionde (2001), la seconda gli immortali Cuori ribelli (1992) ed Eyes Wide Shut (1999). Entrambe sono due madri alle prese con un omicidio nella miniserie scritta da David E. Kelley e diretta da Jean-Marc Vallée Big Little Lies (su Hbo dal 19 febbraio, in Italia su Sky Atlantic dal 15 marzo). Per chi ha letto il libro di Liane Moriarty da cui è tratta la serie, improvvisamente è bello non avere più vent’anni.

Chiudi