Yolo / Arte

Storie bestiali

31.03.2017

Prima dell’Apocalisse di Réal Godbout e Adèle Bourget-Godbout

In occasione della Bologna Children’s Book Fair (che dal 3 al 6 aprile ha ospitato l’annuale appuntamento per scrittori, illustratori, designer, editori e appassionati di letteratura e illustrazione per l’infanzia) vi raccontiamo due casi di furry fiction davvero geniali

I protagonisti di questi albi illustrati sono animali antropomorfi che con peculiarità e caratteristiche umane rappresentano i nostri vizi e le nostre virtù, spesso con fini moralistici; vivono, si comportano, parlano e ragionano come noi in una società che quasi sempre rispecchia la nostra, nonostante l’ambientazione fantasy. Voci nel parco, scritto e illustrato da Antony Browne, e Prima dell’Apocalisse, creato a quattro mani da Réal Godbout e Adèle Bourget-Godbout (padre e figlia), sono un omaggio all’istintività animale e all’intelligenza umana che, nella loro interazione, hanno come unico obiettivo la sopravvivenza.

Voci nel parco di Antony Browne

Voci nel parco

Una semplice passeggiata al parco e quattro modi diversi di raccontarla. Per ogni personaggio cambia il punto di vista, l’esperienza vissuta e il modo di esprimersi. Graficamente varia lo stile delle illustrazioni, la percezione del paesaggio e perfino il carattere tipografico.
Due coppie di gorilla dalle sembianze umane portano a spasso il proprio cane, e a ognuno di loro è dedicato un capitolo della storia. La prima voce: una madre troppo snob per lasciare che il suo cane di razza si avvicini ad altri cani, e troppo apprensiva per rilassarsi e far giocare in pace suo figlio; la seconda voce: un padre disoccupato che va al parco con sua figlia e il cane per cercare di distrarsi.

Voci nel parco di Antony Browne

La terza è quella del figlio della signora snob: un bambino fondamentalmente triste, annoiato e timido che sembra rinascere grazie all’incontro con l’ultimo personaggio. La quarta voce è della figlia dell’uomo disoccupato, una bambina allegra e piena di vita che riesce a far sorridere il suo nuovo amico e soprattutto suo padre, di cui si prende cura a sua insaputa. Le voci degli adulti e quelle dei bambini vengono dettagliatamente descritte nelle belle illustrazioni che si ispirano a vari artisti tra cui Hopper e Magritte.

Voci nel parco

testo e illustrazioni di Antony Browne
CameloZampa, aprile 2017
36 pagine, 16 euro

Prima dell’Apocalisse

I bambini non temono i dinosauri, ne sono appassionati, ma quando questi prendono sembianze umane in un mondo che somiglia incredibilmente al nostro, i loro modi brutali turbano e fanno pensare.

«… Il Generale mi fa un po’ paura, soprattutto dal giorno in cui senza alcun preavviso ha divorato sotto i miei occhi la mia amica Gisella».

Prima dell’Apocalisse di Réal Godbout e Adèle Bourget-Godbout

La protagonista della storia è una piccola dinosaura che sta diventando grande e comincia a scontrarsi con le ingiustizie che inevitabilmente affliggono il mondo che la circonda. Così si ritrova a difendere la parità di genere, a preoccuparsi dello smog e a commuoversi ascoltando un musicista di strada ignorato dalla folla. Impara che a volte gli operai delle fabbriche scioperano, scopre chi sono gli immigrati e affronta i pregiudizi a suon di risate. Infine riflette sui grandi temi come la vita, la morte e l’esistenza di Dio, sempre attraverso lo sguardo candido e ironico che la contraddistingue.

Prima dell’Apocalisse di Réal Godbout e Adèle Bourget-Godbout

Le minuziose illustrazioni ricche di dettagli che rappresentano i dinosauri con un alto grado di realismo sottolineano la paura di crescere e allo stesso tempo la voglia di evolversi della protagonista:

«… Contemplando il magnifico paesaggio così vasto e così calmo, ho pensato che sarebbe stato il luogo ideale per assistere alla fine del mondo».

Prima dell’Apocalisse

testo di Adèle Bourget-Godbout
illustrazioni di Réal Godbout
Orecchio acerbo, giugno 2017
80 pagine, 18 euro
Chiudi