Explicit / Idee

Non è Mosè a dividere le acque, ma l’aliquota Iva

di MAURO MEAZZA
IL 92 17.05.2017

Comma profondo

Sarà per la sua discendenza europea, sarà per il suo acronimo che è anche un nome femminile, ma certamente l’Iva, tra tutte le imposte, è la più volubile e capricciosa.
Di tanto in tanto rivede le percentuali (un po’ come le signore con le pettinature) e non di rado prende decisioni incomprensibili ma irremovibili: per esempio quando vuole distinguere tra le cose da aiutare con un’aliquota ridotta, e quelle da non aiutare, che sottomette al prelievo massimo.

Potremmo tediarvi con molti casi, ma ci limitiamo a uno: l’acqua. I più ingenui potranno pensare che l’acqua è sempre acqua e quindi la signorina Iva si accontenti sempre della stessa aliquota, ma non c’è niente di più sbagliato. L’acqua-che-è-proprio-acqua sta al 10%, ma l’acqua minerale al 22% (entrambe le percentuali sono da ritenere provvisorie, salvo prossimi rialzi). E l’acqua di sorgente che viene distribuita nei boccioni, per gli uffici, le fiere, i ristoranti? Credeva, quest’acqua, di essere acqua-acqua e di meritarsi il 10%, ma l’agenzia delle Entrate ha chiarito che tanta grazia spetta solo all’acqua che il Comune eroga dai rubinetti.

La precisazione (in gergo, una “risoluzione”) non solo è arrivata con tre anni di ritardo rispetto alla norma, ma ha anche sbaragliato l’interpretazione fino a quel momento più accreditata. Un’interpretazione che pure non era scritta sull’acqua, ma poggiava sul recepimento di una direttiva europea (decreto legislativo 176 del 2011, articolo 20; l’indicazione delle Entrate è arrivata nel 2014). Insomma, acqua di sorgente, ma salata. Eppure, plurime e concordi decisioni dei giudici tributari stanno continuando a sostenere il contrario e rigettano le pretese del Fisco su chi non comprende la distinzione, peraltro neppure suffragata dalle classificazioni europee per il prezioso liquido. Nulla da fare, l’Iva separa le acque. Chiamatela Mosé.

Chiudi