Wim Wenders e Persol celebrano i leggendari occhiali Cellor. Rendendo omaggio al cinema italiano

Una dichiarazione d’amore al cinema degli anni Cinquanta: è con questo slancio emotivo che Persol ha deciso di ripresentare, in chiave innovativa, uno dei modelli più emblematici della propria gamma. La montatura Cellor è stata creata nel 1955 e il suo nome nasce dell’unione di due termini: cellulosa e oro, i materiali che alle sue origini la componevano. È stata indossata da registi, attori e star nel periodo d’oro della “settima arte”; ora viene riproposta in un’inedita veste pieghevole, sia da sole che da vista. La maison ha scelto Wim Wenders per rendere omaggio a questo celebre modello e raccontare gli antichi fasti del cinema italiano dalla prospettiva di un regista-icona contemporaneo, offrendo attraverso la sua visione (e interpretazione) la nuova collezione.

Un frame del cortometraggio.

Il regista durante le riprese.

Un frame del cortometraggio.

Il regista durante le riprese.

Wenders (Ritorno alla vita il suo ultimo film, con protagonisti James Franco e Charlotte Gainsbourg), ha curato un cortometraggio ispirato all’estetica della Dolce Vita intitolato Vai, Paparazzo!: un doppio ruolo di regista e personaggio per il maestro tedesco, che ha ricostruito negli studi di Cinecittà il clima di un set dove il suo sguardo scruta gli attori attraverso un paio di Persol Cellor. Brando De Sica (nipote del grande Vittorio) ha girato il making of del film, che mostra Wenders nelle varie fasi di lavoro di questa produzione. Il regista è anche il protagonista di tre immagini della campagna pubblicitaria Persol, firmata in un elegante bianco e nero dal fotografo britannico Tom Craig.

Chiudi