Explicit / Idee

“Q” – Qualunquista

IL 77 18.12.2015

Enciclopedica

Il qualunquista si rende simpatico. Lo sentiamo sbraitare contro tutto e tutti. E alle volte ci aggreghiamo a lui, ingannati dalla passione, dalla rabbia che ci avvicina alle sue battaglie finte e inutili. Il qualunquista protesta usando parole distruttive. Fomenta gli spiriti insoddisfatti e stanchi. Crede di avere un ruolo, di muovere la storia, di aiutare nella costruzione del poi. Ma la verità è che non ha idee, né speranza. Manca di generosità. Naviga in superficie, indifferente al fondale. Parla a nome della folla, dell’uomo qualsiasi, di cui conosce perfettamente il malessere, il disagio. Ma di lui si disinteressa, perché il centro del suo piccolo pensiero è sé stesso. Custodisce il proprio giardino con cura. Non dà fastidio a nessuno se non viene infastidito. Ma guai a pestargli i piedi. Allora si difende, impugnando come arma l’ignoranza e la diffidenza. Il qualunquista vive sopra le macerie della cultura. Tende a isolarsi. Si nutre di luoghi comuni e di banalità. Non rischia mai. È privo di ideali. Non crede a nulla. È distaccato, cinico e riluttante all’impegno politico e sociale. Bene sarebbe scappare lontano dal qualunquista. Anche da quello che vive dentro di noi. 

Chiudi