PREVIEW

Che cosa c’è su #IL105

di REDAZIONE
IL 105 26.09.2018

Il punto sulle Global City e la musica italiana sull'asse Cinisello Balsamo-Latina, l'intervista ad Andre Agassi e le mille polemiche intorno all'alta velocità (no, non quella italiana, ma in California, tra Los Angeles e San Francisco). Sul mensile del “Sole 24 ORE”, in edicola dal 28 settembre

Da città stato a città senza stato. Centri finanziari internazionali a elevata concentrazione di ricchezza, costellati di hotel a cinque stelle e business center da 50 e più piani, hub del trasporto e dei servizi con un’altissima specializzazione nel settore terziario, le Global City, sebbene mantengano e coltivino con fierezza una propria identità, sono sempre più simili tra loro. E come Kuala Lumpur, ultima arrivata nella “short list” dei centri della globalizzazione mondiale, le megalopoli sono oramai separate dallo Stato di appartenenza e dal territorio che le circonda. Dopo essere state per decenni poli di attrazione, queste metropoli ora corrono il rischio di diventare opulente ma poco amate torri d’avorio, come spiega a IL la sociologa della globalizzazione Saskia Sassen.
Ma le città non sono solamente poli finanziari e commerciali. Così mentre i centri storici, a cominciare da Venezia, si spopolano di residenti per lasciare spazio a più redditizie attività commerciali legate al turismo, sono le periferie a cullare i nuovi fermenti culturali di una generazione che sperimenta nuovi modi espressivi e di fruizione della cultura. E se la musica trap scandisce il ritmo di Cinisello Balsamo, a nord di Milano, sono i piccoli club che selezionano la programmazione con proiezioni e incontri d’autore i nuovi punti di aggregazione per chi non si accontenta delle proposte mainstream.
IL non si ferma in città. In una lunga intervista, Andre Agassi ci racconta la sua vita da campione della tranquillità, che nella vita familiare (compreso il difficile rapporto con il padre) ha trovato un equilibrio e una saggezza che gli erano sconosciuti sui campi da tennis.
Chi invece non ha passato un fine settimana rilassante è la nostra inviata al World Ducati Week a Misano Adriatico: sulla pista del circuito romagnolo, ha fatto un giro di pista insieme a Randy Mamola. Dall’impennata alla partenza fino alla frenata finale con “stoppie”, l’adrenalina era a mille… Anzi, probabilmente a 90mila, come i partecipanti a questo evento che ogni anno raduna motociclisti e ducatisti aficionados delle due ruote di Borgo Panigale da tutto il mondo.
La moda dà il benvenuto all’autunno e ai suoi colori con una sfilata al castello di Tabiano, sulle colline di Salsomaggiore. Sul nuovo numero di IL, in edicola dal 28 settembre con Il Sole 24 ORE, trovate anche arte, mostre, cinema, musica e serie tv con un approfondimento sulle produzioni russe: scenografie patinate, montaggio scattante, sceneggiature robuste e bravi attori portano sul piccolo schermo i classici della letteratura russa, da Dostoevskij a Tolstoij.

La copertina di IL105

Chiudi