Magazine / Glocal

Cinquant’anni fa l’uomo sulla Luna… Chi offre di più?

IL 113 09.07.2019

Neil Armstrong nel simulatore, il mese prima della partenza. La foto originale autografata è all'asta da Christie's

La conquista dello spazio continua a emozionare. E le grandi case d’asta si preparano all’incasso

«Il Timeline Book è il manuale più importante utilizzato per raggiungere l’obiettivo nazionale degli Usa di sbarcare un uomo sulla Luna e riportarlo sano e salvo sulla Terra. Il libro si trovava esattamente tra il comandante Armstrong e il pilota del modulo lunare Aldrin nel momento dello storico atterraggio. È di proprietà di un collezionista privato che ha scelto di rimanere anonimo e che ha deciso di metterlo in vendita in occasione del 50° anniversario dello sbarco lunare di Apollo 11». Così un portavoce di Christie’s descrive il pezzo più pregiato del lotto che andrà all’incanto a New York il prossimo 18 luglio durante l’asta One Giant Leap: Celebrating Space Exploration 50 Years after Apollo 11. Il libro, sorta di diario di bordo del modulo Eagle, contiene le annotazioni delle coordinate d’atterraggio nel Mare della Tranquillità scritte a mano da Buzz Aldrin sul suolo lunare ed è valutato tra i 7 e i 9 milioni di dollari. Verrà venduto insieme ad altri pezzi tra cui una serie di foto d’epoca autografate (quella di Armstrong nel simulatore di volo è stimata tra i 4 e i 6mila dollari), un pennello antipolvere per le lenti della fotocamera usato sulla Luna durante la missione Apollo 14 del 1971 (valore: 125-175mila dollari), il cappellino del pilota di riserva di Apollo 11 Fred Haise (3-5mila dollari).

Mappa lunare dove sono state segnate le missioni Apollo (1971). Valore stimato: 40-60.000 dollari

Con il fascino dell’allunaggio intatto dopo tutti questi anni (e, anzi, corroborato dai nuovi piani della Nasa di riportare l’uomo sul nostro satellite e di farne la base per le future esplorazioni di Marte) le case d’asta si preparano all’incasso. Se l’ultima vendita di Christie’s dedicata allo spazio è stata nel maggio 2001, Bonhams ha venduto nel 2017 per 847.500 dollari un modello di prova in scala 1:1 del satellite Sputnik-1. E ora si accoda all’entusiasmo per l’esplorazione spaziale con The Air and Space Sale, che si terrà a settembre.

Sotheby’s tiene sul tema un’asta all’anno, dal 2017: nel 2018 ha aggiudicato per 855mila dollari tre campioni di roccia lunare provenienti da una missione russa senza equipaggio del 1970. «Gli unici documentati in mano a privati», dichiarò: gli altri sono tutti presso istituzioni pubbliche – l’Italia custodisce un frammento nel Museo della Scienza e della Tecnica di Milano. Il 20 luglio, proprio il giorno dell’anniversario della conquista della Luna, nella vendita Space Exploration Sotheby’s mette all’incanto 20 pannelli originali della Firing Room 1 del Kennedy Space Center. Da qui sono state lanciate sette missioni Apollo inclusa la 8 (con i primi umani in orbita attorno al nostro satellite), la celebre 11, la sfortunata 13 (dell’omonimo film con Tom Hanks) e la 17 (l’ultima a portare un uomo sulla Luna, nel 1972). Stime: tra i 200 e i 300mila dollari l’uno. All’asta, anche la Boost Cover Release Port Label, l’etichetta di rilascio del coperchio del Columbia, il modulo di rientro sulla Terra di Armstrong e compagni che oggi vale tra i 125 e i 150mila dollari.

Il vero pezzo forte della vendita di Sotheby’s sono tre nastri con le immagini video dei primi passi dell’uomo sulla Luna. Si tratta di registrazioni SSTV originali (non restaurate o rimasterizzate) provenienti dal Mission Control Center di Houston, Texas, acquistate dalla Nasa in un lotto con un altro migliaio di nastri nel 1976 per 217,77 dollari da Gary George. Oggi la stima raggiunge la vetta di 1-2 milioni di dollari.

Chiudi