PREVIEW

Che cosa c’è su #IL114

IL 114 29.08.2019

Lo speciale calcio, con undici giocatori raccontati da altrettanti scrittori. La scuola italiana del futuro. Le vittime degli errori giudiziari, in carcere da innocenti. Il Nilo in pericolo di vita. In edicola il 30 agosto

Pronti alla partita perfetta? Il numero 114 di IL, in edicola il 30 agosto, dedica la copertina al calcio. Mentre comincia la nuova stagione, una squadra di scrittori mette in campo la sua formazione: 11 calciatori sono i protagonisti di 11 inediti ritratti d’autore. Da Nicolò Barella raccontato da Andrea Vitali al Dani Alves di Enrico Brizzi fino a Mario Balotelli, con cui si confronta Antonella Lattanzi, un “dream team” di biografie calcistico-letterarie scritte per appositamente per il nostro magazine.

Archiviato il calcio d’inizio, arriva anche la prima campanella dell’anno di ritorno sui banchi: IL compie un viaggio dentro la scuola italiana del futuro che già esiste, tra robot, realtà virtuale e ingressi guidati da totem interattivi. Le cose che non vanno ci sono e fanno notizia, ma non mancano nel nostro Paese classi all’avanguardia, esempi da prendere a modello.

Dai ragazzi ai senior: come sono vecchi i giovani startupper. Dimenticatevi l’iconografia del neolaureato tutto business & tecnologia. A New York un nuovo imprenditore su sei è over 50, negli Stati Uniti uno su nove, e anche in Italia la percentuale cresce. Età e innovazione non sono più inversamente proporzionali.

Alla vigilia dei saloni nautici di settembre a Cannes, Genova e Monaco, IL fotografa il settore degli yacht e le sfide che lo attendono. Dai nostri cantieri prende il largo il 45 per cento del totale mondiale delle barche di grandi dimensioni. Passata la crisi, l’industria nazionale cresce a doppia cifra, mentre all’orizzonte si delinea il profilo dei nuovi clienti: i Millennials.

La sezione Agenda dedica l’apertura alla Biennale di Lione, appuntamento di arte contemporanea rinnovato e da guardare con interesse. Per il cinema è Brad Pitt a farla da protagonista con il film spaziale-esistenziale Ad Astra, per le serie tv tiene banco City on a Hill con Kevin Bacon a settembre su Sky Atlantic, per la musica occhi puntati su Devendra Banhart e al suo ultimo album Ma, e per il teatro spazio al Teatro sull’Acqua ad Arona.

Il magazine maschile del Sole 24 ORE si focalizza come di consueto sui temi d’attualità: l’apertura della sezione Glocal è dedicata all’emergenza idrica del Nilo. Il grande fiume è a rischio prosciugamento a causa dell’aumento della popolazione, sfruttamento intensivo in agricoltura e cambiamenti climatici. In Europa, invece, in attesa che la Brexit diventi operativa, si ridisegna la geografia dell’economia e dei servizi: Amsterdam è la nuova Londra, con tutti i benefici del caso.

Per i nostri incontri con i grandi personaggi del panorama sportivo, questo mese l’appuntamento è con Andrea Dovizioso, protagonista domenica scorsa con la sua Ducati di uno spaventoso incidente durante il gran premio di Silverstone. Prima giovane promettente, poi speranza non del tutto mantenuta, è con la maturità che il pilota romagnolo ha ricominciato a prendersi la scena nel Motomondiale. Merito del tempo che passa, ci ha spiegato: impari a dare importanza solo alle cose che contano davvero, in pista come nella vita

Il reportage di moda di questo mese è stato scattato all’interno del Castello visconteo di Pavia, sede dei Musei Civici cittadini (che racchiudono capolavori come Ritratto d’uomo di Antonello da Messina e Accusa segreta di Francesco Hayez), di mostre, concerti, incontri. E mentre il maniero si reinventa fonte di storie e nuove saghe, gli abiti ridisegnano l’immaginario di corte in chiave contemporanea.

In questo numero, infine, lo spazio Storiacce si concentra sul dramma delle migliaia di persone che ogni anno i cosiddetti “errori giudiziari” derubano di un pezzo di vita. Accusato di omicidio per colpa di un’espressione dialettale travisata: come fai a non impazzire? È la storia di Angelo Massaro, ve la raccontiamo.

La copertina di IL114

Chiudi