Moda

Lunga vita al “second hand”!

16.12.2019

Tra l'abbigliamento e gli accessori di Lapo Elkann in vendita anche una maglietta dello juventino Ronaldo

Guido Taroni

Lapo Elkann,apre il suo guardaroba per la prossima special sale online di Vestiaire Collective, sito web leader nella rivendita globale di articoli pre-loved di lusso

«Credo nella sostenibilità, e per questo vorrei ispirare e incoraggiare i giovani a fare delle scelte consapevoli che possano contribuire a salvare il nostro pianeta», dice Lapo Elkann. «Il second hand è un modo creativo per trasformare articoli che non usiamo più in qualcosa di più prezioso, dando loro una seconda vita, ed è per questo che ho scelto Vestiaire Collective come partner di questo progetto». Il creativo torinese – da sempre sensibile alle evoluzioni della moda – ha così deciso di mettere in vendita alcuni “pezzi” di sua proprietà in una special sale online dal 16 dicembre, un mix di articoli che spaziano dall’abbigliamento sartoriale a pezzi street-style come t-shirt, felpe e sneakers in limited edition.

Guido Taroni

Guido Taroni

Guido Taroni

Guido Taroni

Il ricavato servirà a finanziare la fondazione LAPS (Libera Accademia Progetti Sperimentali) creata dallo stesso Elkann. In particolare, Lapo si sta occupando del rapporto spesso distorto che può intercorrere tra i giovani e le nuove tecnologie: «Per questo ho deciso che tutti profitti di questa vendita vadano alla mia Fondazione, che sostiene un progetto che ha la doppia finalità di prevenire le dipendenze da internet, smartphone, videogame e social network e di “recuperare” i minori che soffrono di questo disturbo. Un uso problematico e compulsivo della tecnologia può rovinare la vita di una persona ed è giusto impegnarsi per migliorare il mondo in cui viviamo».

Vestiairecollective.com è il sito web leader nella rivendita globale di articoli usati di lusso. Otto i milioni di utenti distribuiti su 50 Paesi e 40.000 i nuovi articoli caricati nella community a cadenza settimanale. I capi di Lapo Elkann sono acquistabili dal 16 dicembre.
Chiudi