Agenda

TRX: il rap in radio si ascolta con un’app

IL 117 05.12.2019

Salmo è tra i conduttori di TRX Radio: l’emittente, dedicata esclusivamente alla musica rap, si ascolta tramite app gratuita e presenta playlist tematiche firmate dagli stessi artisti, in rotazione 24 ore su 24

La potenza di fuoco dell’emittente in download è evidente già dall’elenco dei suoi conduttori: Clementino, Ensi, Fabri Fibra, Guè Pequeno, Marracash, Salmo

Nell’epoca in cui pure la tv ha accettato di non poter essere sempre e comunque generalista, la radio – almeno in Italia – continua invece nel 90 per cento dei casi a inseguire un prodotto “buono per tutti”. Ci sono le webradio tematiche dei grandi network, in genere canali anni 70/80/90 o latin, ma sono giusto dei riempitivi messi in piedi per presidiare il territorio (e infatti perdono la sfida con le playlist di Spotify, dove, a parità di accesso digitale, l’utente può skippare i pezzi che non gradisce). Spicca allora ancor di più il caso di TRX Radio, nata nel maggio 2018 e disruptive da almeno tre punti di vista: non è generalista (è l’esatto opposto, come vedremo), ha un format musicale strettamente rap e hip hop, e non esiste in FM o sul web, ma solo via app dedicata. Eppure fa numeri notevoli – 200mila download nei soli primi 30 giorni di vita, 70mila ascoltatori unici al mese – al punto da aver suscitato l’interesse della veterana Radio Italia, che ha deciso di entrare in società (realizzando fra l’altro nuovi studi di trasmissione nella propria sede di Cologno Monzese), pur lasciando alla giovane emittente la più totale libertà artistica.

Fibra

Marracash

Clementino

Marracash

Le ragioni dell’interessamento sono abbastanza lampanti se uno guarda alle classifiche italiane di vendita dell’ultimo anno: nel maggio 2018, sette su 10 occupanti la Top 10 erano rapper, fenomeno che si è ripetuto nell’estate 2019, quando il Machete Mixtape 4 e i suoi estratti hanno avuto la meglio su qualsiasi tormentone. Possiamo ufficialmente dire che, all’alba del 2020, il rap (inclusa la sua variante con la “t” davanti) è “il” suono più ascoltato in Italia. Dappertutto tranne che alla radio. «Non c’è mai stato un grande amore tra la radio e il rap» , dice Paola Zukar, head di TRX Radio oltre che presidente di Big Picture, la società che cura il management di – fra gli altri – Fabri Fibra, Marracash e Clementino. «Lo stesso Fabri Fibra per lungo tempo lo passavano solo DeeJay e 105, e solo con Tranne te ha bucato la programmazione anche degli altri network». La ragione per certi versi è “tecnica”: il rap (come la trap) ha un suono (parliamo proprio di frequenze, non di una questione estetica) che “sta male” accanto ai pezzi di Biagio Antonacci o di Fiorella Mannoia. Poi, certo, c’è anche la questione del linguaggio. «Le parolacce rimangono uno scoglio insormontabile», dice Paola Zukar, «siamo pur sempre un Paese moralista».

Moralismi a parte, la potenza di fuoco di TRX è evidente già dall’elenco dei suoi conduttori: Clementino, Ensi, Fabri Fibra, Guè Pequeno, Marracash, Salmo… Un vero dream team dell’hip hop italiano, ciascuno con il suo show e relativo podcast, ma soprattutto con il proprio capitale di follower da trasformare in ascoltatori. La sfida ora sarà di affiancare a loro pure dei conduttori non rapper. Degli intrattenitori à la Linus – auspicabilmente con la metà degli anni di Linus – che soprattutto, ovviamente, “ci stiano dentro”.

Chiudi